L'Italiana in Algeri di Gioacchino Rossini (Sinfonia) per orchestra d'archi

PREVIEW ACQUISTA

L'idea di metter mano ad una pagina rossiniana di cos' alta fattura, non poteva che nascere qui, a Pesaro, nel territorio rossiniano per eccellenza. La richiesta costante di eseguire i capolavori del musicista al quale l'orchestra fa riferimento, più e più volte si è estesa anche alle occasioni di concerti cameristici.

Di qui l'esigenza e al tempo stesso la scommessa del lavoro che è stato fatto con questa riscrittura. Sarà così possibile inserire nei programmi da concerto di orchestre d'archi una delle pagine più belle e conosciute di Rossini. Ma questo lavoro è ancora di più, è verificare se questa composizione riesca a mantenere la propria identità e il proprio contenuto emozionale in una riduzione della strumentazione sinfonica originale a quella per archi. La realizzazione dell'arrangiamento è stata affidata al M° Henry Domenico Durante, spalla della compagine pesarese e componente del Trio Dmitrij. Durante ha saputo cogliere le caratteristiche principali che permettono a questo arrangiamento di risultare davvero godibile all'ascolto. Oltre alla bellezza dei temi proposti, la chiarezza della sintassi e la solidità architettonica della composizione rossiniana sono i tratti che hanno permesso a Durante (e a Rossini) di vincere la scommessa.

Saul Salucci, Orchestra Sinfonica "G. Rossini" - Presidente

Prima esecuzione: Teatro dal Verme, Milano. Orchestra Sinfonica "G. Rossini".
Massimo Quarta, Direttore.